Visualizzazione Contenuto Web

 

Telelab. Laboratorio di telelavoro e conciliazione presso l'Università del Salento

 

Idea Guida:  Divulgare la cultura della conciliazione e della corresponsabilità di uomini e donne nel lavoro di cura e sperimentare il telelavoro come forma flessibile e funzionale ad una migliore gestione della vita familiare e dei processi lavorativi

Soggetto capofila: Università del Salento - Dipartimento Studi Giuridici

PARTNERS di progetto:

  • CGIL Lecce
  • UST CISL Lecce
  • UIL FPL Lecce
  • Federazione Lavoratori della conoscenza CGIL
  • Federazione CISL Università
  • UIL Pubblica Amministrazione Università e ricerca
  • SNALS Università del Salento
  • Comune di Sternatia
  •  Comune di Specchia
  •  Comune di Otranto
  •  Comune di Lequile
  •  Comune di Neviano
  •  Comune di Alessano
  •  Comune di Uggiano La Chiesa
  •  Comune di Lizzanello
  •  Comune di Santa Cesarea Terme
  •  Università di Bari

Attività realizzate:

1. Ricerca e analisi dei fabbisogni

  • Erogazione di un questionario sui fabbisogni di conciliazione ai 597 dipendenti della Pubblica Amministrazione dell'Università del Salento. I questionari compilati sono stati 461 (80% del target).
  • Ricognizione della normativa esistente, dei regolamenti e della contrattazione collettiva sul telelavoro presente presso altri Atenei

2. Sperimentazione di servizi di supporto alla conciliazione vita-lavoro

  • Contrattazione tra l'Ateneo e le parti sociali per arrivare ad un'ipotesi di Contratto Collettivo Integrativo (accordo di secondo livello). L'accordo siglato ha validità nella fase di sperimentazione del PSG
  • Bando per le postazioni dei telelavoratori e per la selezione dei telelavoratori: alla selezione (presentazione di un progetto di telelavoro al capo-ufficio) hanno risposto 17 dipendenti, rispetto ai 30 posti disponibili. Ne sono stati ammessi 15
  • Organizzazione logistica delle postazioni di telelavoro
  • Sperimentazione di una forma parziale di telelavoro (2 giorni a settimana) da parte di 15 dipendenti

Risultati conseguiti

  • Maggiore consapevolezza dei bisogni di conciliazione dei dipendenti dell'Università del Salento
  • Diffusione del progetto e dei suoi risultati presso le Università, la PA e le imprese private, attraverso iniziative di sensibilizzazione come convegni, seminari, sito web, incontro con l'Università degli Studi di Bari
  • Realizzazione di un accordo di secondo livello tra l'Amministrazione dell'Università del Salento e le organizzazioni sindacali sulle modalità di conduzione del telelavoro 
  • Avvio di un tavolo tecnico per mettere a regime l'esperienza realizzata, valutata molto positivamente dai telelavoratori 

Punti di forza

  • Contesto giuridico contrattualistico favorevole (la modalità del telelavoro è prevista per i dipendenti pubblici dal Contratto di lavoro) 
  • Buona collaborazione del partenariato
  • Importante lavoro di sensibilizzazione e coinvolgimento delle OO.SS. e datoriali e della Confederazione nazionale, funzionale alla diffusione delle "buone prassi" anche in altre imprese
  • Entusiasmo dei telelavoratori, dei Comuni e della Regione, nei confronti delle prime fasi del progetto
  • Valutazione del progetto in itinere da parte dei telelavoratori
  • Forte motivazione dell'Università del Salento a rendere stabile e strutturale la modalità del telelavoro   

Criticità

  • Scarsa partecipazione dei dipendenti al bando di selezione dei telelavoratori (presentazione del bando nel periodo estivo e difficoltà ad individuare le attività telelavorabili)
  • Presenza di costi aggiuntivi (es. tavola e sedia ergonomici, rimborsi di elettricità e riscaldamento) non previsti in fase di programmazione
  • Impossibilità di considerare, tra le spese ammissibili del PSG, le attrezzature delle postazioni del telelavoro
  • Difficoltà di avvalersi di professionisti esterni a causa dei tempi lunghi della Corte dei Conti  

www.telelab.unisalento.it

Visualizzazione Contenuto Web