Osservatorio sulla comunicazione di genere 

 

La costituzione di un Osservatorio Regionale sulla comunicazione di genere risponde all'esigenza di dare attuazione e continuità operativa alla L.R.7/2007 rispetto ad alcune tematiche che investono la sfera della comunicazione e del contrasto al rafforzamento dilagante degli stereotipi di genere.

Funzioni dell'Osservatorio

L'Osservatorio, nelle sue attività, persegue il meta-obiettivo di innalzamento delle conoscenze e competenze rispetto al tema della comunicazione di genere che si articola su due percorsi differenziati, ma strettamente interconnessi, rivolti all'interno dell'amministrazione, per  incidere sul cambiamento di prassi consolidate, e all'esterno, verso il mondo delle istituzioni scolastiche e formative nelle sue componenti di studenti, docenti, genitori, per modificare il sentire comune, spesso discriminante nei confronti del genere.

Nell'espletamento delle sue funzioni, l'Osservatorio si avvale degli organi regionali di Parità, delle Università Pugliesi, l'Ufficio scolastico regionale,  il Corecom e le associazioni di categoria. Tale rete estesa e qualificata di attori garantisce un'efficace azione degli interventi pianificati.

L'Osservatorio prende avvio con la firma del protocollo di Intesa, in data 7 marzo 2010 fra Regione, inizialmente fra le 4 Università pugliesi e gli organismi di parità, a cui poi si è aggiunto l'Ufficio Scolastico regionale. il Piano di lavoro prevede:

  1. una fase di mappatura finalizzata a ricostruire lo stato dell'arte rispetto al territorio sia della comunicazione istituzionale sia della comunicazione politica e commerciale  in ottica di genere.

  2. Il disegno e l'implementazione di un sistema informativo per la gestione dei dati raccolti

  3. una fase di sensibilizzazione fra gli addetti ai lavori per incidere sulle modalità consolidate di fare comunicazione

  4. una fase di Informazione e Formazione nelle scuole.

Rispetto al piano di lavoro, le Università sono i soggetti attuatori delle azioni di mappatura, di formazione e informazione definite in seno al tavolo di coordinamento dell'Osservatorio.